Il mondo del Marketing è diviso in due continenti: quello orientale (Traditional Marketing) e quello occidentale (Digital Marketing), laddove le marketing technologies (Martech) dominanti si stanno contendendo la supremazia.

In questo momento storico commerciale, però, la clientela reclama maggiore attenzione personale e i Competitors they are approaching from Market, portando con sé un’ulteriore minaccia ambientale: replacement products. Le MarTech quindi devono essere più unite che mai, per riuscire ad offrire ai Clienti una Customer Experience omnicanale, in grado di fare la differenza sul Mercato.

Come le diverse MarTech, anche i Satisfied Customers must be prepared to defend Strategic barrier to entry, elemento che ostacola la concorrenza nel reame.

Diamo uno sguardo più da vicino alle MarTech del Marketing Digitale e vediamo come la giusta soluzione potrebbe riunirle, così da migliorare e consolidare il posizionamento competitivo.

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT

I prodotti sostitutivi stanno arrivando


Il loro motto è un’amara constatazione che richiede una vigilanza costante, esprime la consapevolezza di doversi mostrare pronti alla comparsa di nuove minacce. Le caratteristiche concorrenziali, come può essere la presenza di prodotti sostitutivi, richiedono una tutela ed una conoscenza della domanda più profonda e dettagliata. I Customer Relationship Management vedono gli utenti finali, lead, clienti e partner come punto di forza e riferimento. Tendono a rimanere competitivi, offrendo un percorso appagante ed una forte esperienza, che leghi tutti coloro con cui hanno avuto relazioni. Per tale MarTech, raggiungere la supremazia significa soprattutto rendere le informazioni acquisite le linee guida delle campagne di marketing.

E-MAIL

Creazione e invio


Il momento di colpire è arrivato. Nonostante le voci sul suo declino per via di canali di comunicazione più moderni, questa MarTech non mostra segni di cedimento. Negli ultimi tempi l’Email Marketing è stato protagonista di diversi cambiamenti, ma ha sempre trovato il modo di rilanciarsi. Esemplari sono le attività di profilazione, segmentazione e automatizzazione degli invii. Per raggiungere la supremazia, fa leva sulla personalizzazione del messaggio, data dall’invio di comunicazioni precise, customizzate in base agli interessi e alle abitudini di ciascun utente. Si trasforma così in uno strumento di lead nurturing in grado di favorire la conversione dei clienti da potenziali ad acquisiti.

SOCIAL MEDIA

Udite il mio cinguettio


Orgoglio, ambizione e ferocia verso gli avversari, queste sono le caratteristiche con cui divulgano i loro contenuti. In questo continente così rumoroso, vogliono far sentire la loro voce e far risuonare le loro opinioni; il saper sfruttare tale caos a proprio favore è un’abilità importante nella gestione di questa MarTech. L’utente necessita di informazioni, pareri e recensioni, tutti dati da fornire avendo il coraggio di essere sé stessi, a costo di dover pagare i propri debiti, anche se, grazie al loro know how e a strategie integrate, queste piattaforme sono sempre riuscite a superare i momenti di crisi. Mossi da una brama di fama e potere, i social approfittano del frenetico flusso commerciale per mirare alla visibilità e raggiungere potenziali clienti per convertirli, superando in astuzia la concorrenza.

ANALYTICS

Crescere efficaci


È un importante alleato, in particolar modo per aver l’esercito di tools più numeroso. Sebbene sia circondato da caos e instabilità, persiste nel raggiungimento del suo obiettivo a lungo termine. Il mondo del Marketing è imprevedibile, ma una volta prese le dovute decisioni, questa MarTech rimane concentrata sul risultato, misurando le performances e assicurandosi che l’attività di marketing digitale sia efficace. Analizzano ed integrano i dati con quelli provenienti dall’esterno, generando così insight utili per pilotare e modulare il marketing mix (strategia che preferiscono non sfoggiare per cogliere gli avversari di sorpresa). L’integrazione tra diverse fonti offre una conoscenza minuziosa di clienti attuali e potenziali, rivelando loro bisogni, inclinazioni, eventuali problematiche e criticità.

ADVERTISING

Noi non sparpagliamo, promoviamo


Anche qui troviamo uno scenario molto frammentato. Abili navigatori, questi tools utilizzano offerte in tempo reale e raccomandazioni basate sul comportamento per fornire la massima risposta al minor costo. Essendo poveri di piattaforme, sottraggono a media esterni spazi per pubblicare inserzioni con un minimo investimento economico. Benché non sia nota per allearsi con una sola MarTech, ultimamente questa tecnologia sembra favorire la regina Lannister…ehm dei Social Media. Spietati, son spietati, ma non devono trascurare la targetizzazione e la qualità della sponsorizzazione per raggiungere la supremazia e aprire la strada a nuove conversioni.

VIRTUAL & AUGMENTED REALITY

Mai bidimensionali, distaccati, statici


La Virtual Reality e l’Augmented Reality possono essere considerati degli outsider, poiché hanno impiegato più tempo ad arrivare in classifica. Ingegnosi e pazienti, sono disposti ad aspettare prima di concretizzare i loro progetti, sviluppando le proprie abilità durante l’attesa. Che siano immagini e video sovrapposti alla realtà o realtà del tutto artificiali, non devono solo vincere, ma devono vincere in modo spettacolare. Le gesta teatrali e avvincenti sono ciò che rendono queste MarTech immersive, versatili ed efficaci per catturare l’attenzione del cliente. La realtà aumentata e quella virtuale puntano a creare esperienze ed emozioni straordinarie per l’utente, in modo tale da creare subito empatia.

È importante che le MarTech si uniscano in questa battaglia, perché insieme sono in grado di veicolare una forte user experience, necessaria per intercettare l’evoluzione della domanda e finalizzare al meglio l’offerta. L’integrazione e la personalizzazione di queste MarTech permette di creare efficaci strategie che generino un ritorno positivo in termini di visibilità, credibilità e vendita.