Persino per il triangolo d’emergenza stradale arriva l’innovazione: arriva Holo.

Ebbene sì, il segnale mobile triangolare diverrà presto un ologramma.

Dati importanti hanno spinto Fabio Lettieri a ideare questa nuova soluzione: ogni anno, più di 7000 persone vengono investite nel tentativo di posizionare il triangolo lungo strade non illuminate a dovere, ma ancor più incredibile è il fatto che non esistano ancora segnali di allerta per moto, scooter o auto per disabili.

Il triangolo olografico potrà essere proiettato di notte ad una distanza compresa tra i 30 e i 50 metri dal mezzo di trasporto e, grazie alla sua luce intermittente, potrà attirare facilmente l’attenzione dei veicoli in arrivo.

Oltre che facile da posizionare per chiunque, Holo risulta dunque anche sicuro: appoggiando il dispositivo sul tetto della vettura, infatti, non si sarà costretti a dover scendere dalla macchina, rischiando situazioni di pericolo.

Stiamo parlando di un dispositivo alto 5 cm circa e pesante 150 grammi, il che significa che può essere presente a bordo di ogni mezzo; presenta un involucro impermeabile e una batteria con 5 ore di durata.

Per adesso rimane ancora un prototipo, brevettato e presentato al Ministero dei Trasporti, ma non vediamo l’ora di trovarlo all’interno del kit di sicurezza dei nostri veicoli.